si cercano figure senior nel settore energy

Manager nel settore tecnico, commerciale, qualità e procurement. Sono queste le figure più richieste nel settore dell’energia rinnovabile, secondo un’analisi di Hunters Group – società internazionale operante nella ricerca e selezione in ambito Engineering & Energy – che ha cercato di approfondire quanto le richieste delle società energetiche siano aperte ad individuare talenti provenienti da settori differenti dal proprio. 

Ecco le maggiori opportunità in questo settore: Direzione Tecnica. Una delle figure che detiene il massimo grado di interesse nel settore è quella a capo dell’Ufficio Tecnico. Il suo ruolo è quello di contribuire alla direzione della Società, collaborando al suo sviluppo da un punto di vista tecnologico. Pur trattandosi di una figura centrale in azienda, è anche una di quelle che le società energetiche nel 70% dei casi analizzati hanno richiesto di ricercare da fuori settore, senza attingere da candidature provenienti dai competitor. Le motivazioni sono legate alla ricerca di profili che abbiano una visione più completa delle tecnologie di mercati affini e ottime capacità gestionali del team (progettisti e PM in particolare). Gli ambiti di provenienza desiderati sono le grosse corporate operanti in ambito elettrico, oppure le multi utilities.

Direzione Commerciale. Una delle figure meno ricercate attraverso Head Hunters nel settore è quella del Direttore Commerciale. La motivazione non è da individuarsi nella mancata necessità aziendale di questi profili, che anzi ad oggi hanno un tasso di turnover piuttosto elevato, bensì nella volontà aziendale di attrarre risorse in modo diretto ed autonomo, attraverso referenze e conoscenze personali. Nel 99% percento dei casi esclusivamente dal settore di competenza (fotovoltaico o eolico).

Business Development. La figura dello Sviluppatore di progetti in questo momento è molto richiesta e sia spesso presentata attraverso Head Hunters. Su questo profilo le aziende energetiche si dividono nettamente: il 60% richiede candidature con esperienze molto mirate sul settore, la tipologia di progetto e l’area specifica, ma nel restante 40% dei casi c’è apertura a profili provenienti da settori affini. Quello reputato più interessante è l’Immobiliare o Real Estate (soprattutto se divisione di aziende in ambito GDO o Retail); questo secondo punto vale in particolare per quei candidati che non debbano poi seguire in prima battuta gli iter autorizzativi degli impianti, ma che si limitino allo scouting di nuove opportunità. 

Direzione Qualità. Le figure in ambito Qualità, nelle sue diverse declinazioni, sono una delle tipologie più complesse da ricercare nelle rinnovabili. Tipicamente presenti in ambito Manifatturiero, Oil&Gas e Costruzioni, hanno caratteristiche di specificità tali in ambito renew da non essere “mutuabili” da altri settori, se non nel 10% dei casi da nostra esperienza. Se non vi sono sul mercato candidature reputate in linea, spesso l’azienda energetica preferisce indirizzare sulla funzione figure senior di PM o Ufficio tecnico, al fine di non perdere la competenza settoriale.

Procurement. Le ricerche in ambito Procurement – trattandosi di una direzione nuova per il settore rinnovabili, anche se molto conosciuta in altri ambiti – vengono spesso effettuate attraverso Head Hunting. La motivazione è legata alle caratteristiche della funzione, che come quella della Qualità spesso deve essere creata in toto in azienda, perché non presente in tutti i player del settore ma declinata su funzioni diverse (es Ufficio Tecnico). Uno dei settori dai quali nel 70% dei casi si identifica la candidatura corretta è quello dell’Oil& Gas. Pur avendo i prodotti in acquisto caratteristiche molto diverse, le competenze di purchasing di un Procurement Manager sono molto trasversali e applicabili senza troppe difficoltà anche al settore delle energie rinnovabili.